dalla sezione "nel raggio della luce

che snatura"

 

3

 

Ciò che è fatto d’aria,

che traspare,

che non ci immaginiamo,

che avvertiamo forse a volte in un brivido,

quando è tardi e si fanno le scale in silenzio

e a tentoni si cerca la luce,

improvvisamente soli con le proprie chiavi,

ciò che insomma non vediamo e non ci figuriamo,

forse che non ci vede a sua volta?

Non è l’immagine che ha diffidenza dell’occhio,

la tempesta non teme la nave

 

                  – la tempesta incendiata,

                     la tempesta color pescecane –

 

che ama il contrasto della vela candida

e fa come morsi di luce tra le nubi,

in mezzo al lino come zanne scure

dalla sezione "La terra dalla bianca riva"

La moviola dell'angelo

 

Il tempo  è  marmo,

marmo scuro,

pieno di forme, figure,

equivoci, racconti,

sotto la scorza dura.

Le schegge si levano

in un turbine,

sotto lo scalpello perfetto

dello sguardo

                 - "giunse mia madre,

                   mi fece un cenno

                   e volò via..." -

La luce tra le palpebre proietta

la stanza obliqua,

i muri color seppia,

il suono profetico dei passi.

E la casa, in cui tememmo

i nostri giochi,

il destino,

le voci senza corpo,

si disfa tutta

nei suoi capelli grondi,

chiari, lunghissimi,

ancora insaponati

e il "sarò buona"

capitola in preghiera

 

                 - scendi, acqua,

                   acqua di percezione,

                   acqua di commemorazione,

                   acqua di riconoscimento,

                   rivelante, fredda,

                   mista a fango,

                   scossa goccia a goccia

                   dalle piume,

                   saporosa, colma di sillabe,

                   illuminata,

                   canta sui tetti,

                   scivola in cantina,

                   infiltra il fondo,

                   anima le basi,

                   vieni più forte,

                   agita, incatena,

                   scendi, acqua, musica,

                   rovina... -

 

Il tempo non è storia,

non procede,

non va di ora in ora.

Il tempo è uno stato,

la fiamma ferma della salamandra. 

  • w-facebook