lingua sasso

 

dentro le gabbie o nella testa

o sotto la sabbia grigia dei deserti

le parole possono morire

come gli uomini

una volta strappato

il tessuto che le contiene

una volta strappato via

aperto il burrone che le fa cadere

tra gli atomi che rabbrividiscono al contatto

la materia nauseata si ritrae e frantuma

come una specie di pioggia di pietrisco

solo il modo (a piombo)

con la schiuma dell’acqua nelle orecchie

solo il peso (l’ingombro)

la lingua sasso

che si rotola in bocca

succhiando inarticolati

respingimenti

 

solo la cosa senza flessione

le perifrasi che brancolano tra

i suoni come lacci

 

                                   e noi fatica e prega

                                   e parla nella notte

                                   di là dal taglio del canale freddo

 

come triangolando con le stelle

e la casa troppo accesa nel ricordo

piena di passi di serra d’attesa

lo snodo d’orizzonte sulle labbra

la teiera fischia il canto tra i tetti

l’odore della pelle della mano

che è come una terra d’approdo

all’indietro

 

                                   ma tornare indietro

                                   è difiscile

                                   stare qui

                                   difiscile

                                   il mio tempo te lo do

                                   la schiena il corpo te lo do

                                   in cambio di un cartoccio

                                   ma la faccia l’espressione degli occhi

                                   la bocca

 

                                   se vuoi sparare spara in cielo

                                   noi non siamo

                                   uccelli

  • w-facebook